venerdì 30 ottobre 2015

EICMA 2015...

the next generation?



niente di nuovo...

ma mi piaceva la foto


HD engine...



Care...



giovedì 22 ottobre 2015

Alstare Aunior Team



interview with...

Keanu Reeves.
In occasione della pubblicazione della intervista di cui sopra vi ripropongo due immagini del noto attore in visita a Bimota e Vyrus.
 
 
 
 
 
 
 
 
Sono davvero poche le star di Hollywood più enigmatiche di Keanu Reeves. Nel corso degli anni, l’attore ha incuriosito e lasciato perplesso il pubblico con I suoi modi da maestro Zen e commenti, spesso criptici, sulla vita in generale. «Sono un vagabondo» ha dichiarato una volta Keanu. Forse è questo il motivo per cui ha iniziato a girare film in Cina e Giappone, ha diretto un documentario su come il cinema sia passato dalla pellicola al digitale, e ha lavorato su tutta una serie di film indipendenti a basso budget. Pochi mesi fa ha ottenuto un discreto successo con John Wick, un film d’azione tutto adrenalina che ha risollevato le sue quotazioni dopo una serie di flop. Un successo che ha sorpreso gli esperti del settore, e che ha spinto Reeves ad iniziare le riprese di un sequel quest'autunno.
L’ex star della trilogia di Matrix, e di classici come Speed e Point Break, ha ammesso, ormai a metà dei quaranta, di voler rallentare un po’ la sua attività cinematografica. Quello che invece non accenna a scemare è il suo amore per le moto.
«Amo tutto delle moto» ci ha detto Keanu. «Amo la loro capacità di sgombrarti la mente quando sei in sella, e il senso di libertà che sanno darti. Quando guido ed esploro i miei limiti alzando il ritmo, è il momento in cui probabilmente mi sento più felice. Non so spiegarvi quanto sia bello sentirsi in grado di guidare fra i canyon o viaggiare sulla Pacific Coast Freeway godendosi la brezza dell’oceano. E’ una sensazione che adoro».
Accanito motociclista da quando comprò la sua prima moto (una Kawasaki KLR600, a 22 anni, mentre era impegnato in riprese cinematografiche a Monaco di Baviera), Keanu Reeves ha avuto spesso modo di dare sfogo al suo amore per la velocità, e di assaporare “l’incredibile libertà” che prova sulle strade aperte.
Del resto, pur avendo posseduto diverse supercar, come ogni star di Hollywood, Keanu preferisce sfrecciare in moto fra le auto sulle autostrade attorno a Los Angeles o sul Sunset Boulevard, piuttosto che restare bloccato nel traffico al volante. Reeves si descrive come una persona noiosa nella vita privata, ma è incapace di star fermo quando si tratta di lavorare o... giocare. E’ stato questo mix di passione ed irrequietezza che nel 2011 lo ha portato a fondare, in società con il preparatore Gard Hollinger, la Arch Motorcycle. Marchio che ha iniziato a produrre quella che molti ritengono una delle moto più elitarie del pianeta, la Arch KRGT-1 di cui vi avevamo parlato all'epoca dell'inizio del progetto.
Reeves aveva inizialmente cercato Hollinger per farsi realizzare una special secondo indicazioni molto precise, restando però continuamente frustrato dalle limitazioni che il preparatore californiano imponeva alle visionarie richieste di Keanu. Ecco perché l’attore ha deciso di investire una quota considerevole dei suoi guadagni cinematografici per creare una società impegnata in questo progetto di altissimo livello, che vende la Arch KRGT per la cospicua somma di 78.000 dollari. Un impegno che non si è limitato al finanziamento o alla definizione tecnica e stilistica, ma - lato piacevole dell'impresa - si è esteso fino all'attività di sviluppo in prima persona della moto. Alla domanda a chi spetti il giudizio finale sulla dinamica della moto, Hollinger ha risposto «Il collaudatore ufficiale è Keanu. Il giudizio finale spetta sempre a lui».
A Marzo, Reeves ha partecipato all’evento per il battesimo del primo esemplare prodotto al quartier generale Arch ad Hawthorne, California, a pochi isolati di distanza dalla struttura Space-X di Elon Musk. La KRGT-1 è composta da circa 200 parti costruite su misura – per lo più in alluminio lavorato dal pieno – che compongono un progetto completamente nuovo, nato per soddisfare l’ambizione di Keanu di contribuire a creare un oggetto assolutamente unico, dove le componenti di serie, se così si può dire, si limitano al motore (un S&S da 120 pollici cubici - 1.966cc - capace di erogare 121 cavalli e ben 164 Nm di coppia), ai cerchi sudafricani BST e all'impianto frenante con pinze ISR. Praticamente tutto il resto è pensato e realizzato da Arch specificamente per questo modello.
Nel corso degli anni, Keanu ha messo insieme una notevole collezione di moto – per lo più Norton, ma anche Moto Guzzi, Suzuki ed Harley – e va in moto tutti i giorni, anche quando si trova sul set di un film dove, alla fine di una giornata di riprese, solitamente parte verso qualche strada particolarmente bella per dare sfogo alla sua “anima inquieta”.
Dopo “Knock Knock”, produzione indipendente di qualche mese fa, Reeves ha piani più ambiziosi per il futuro. Il prossimo anno inizierà a girare Rally Car, una produzione cino-americana ad alto budget guidata da Jerry Bruckheimer, in cui Keanu interpreta un pilota americano che prende parte ad una gara attraverso gli Stati Uniti. Il film è vagamente ispirato alla commedia/avventura del 1981 “The Cannonball Run”, noto da noi come “La corsa più pazza del mondo”.
Reeves reciterà anche in Rain, una miniserie TV basata sul best seller di Barry Eisner, in cui Keanu interpreta John Rain, un killer professionista nippo-americano in cerca della sua identità oltre la sua professione. La produzione segna il debutto televisivo di Keanu Reeves, che ha recentemente concluso le riprese di The Neon Demon, diretto da Nicolas Winding Refn, con Christina Hendricks ed Elle Fanning.
Keanu, diventare un produttore di moto sembra un po’ un compiersi del tuo destino…
«E’ il mio modo di soddisfare la mia passione per le moto, creando quel tipo di esperienza di guida che uno normalmente può solo sognare. Sono sempre stato affascinato dalla costruzione di una moto, dalla scelta delle parti fin nel minimo dettaglio, come la definizione della sella».
Da dove nasce la tua passione per le moto?
«Le moto sono parte della mia vita fin da quando incontrai questa ragazza a Monaco (lavorando insieme ad un film) che aveva una splendida Kawasaki da enduro, e le ho chiesto se mi potesse insegnare a guidare. Durante le pause della lavorazione ci andavo in giro, e da lì è nato tutto. Da quel momento non ho mai smesso, e non appena sono tornato a Los Angeles ho comprato una Norton Interceptor che ho ancora in garage».
Qual è stato il tuo ruolo nella reale progettazione della Arch KRGT-1?
«Ho avuto molte idee che ho disegnato, e su cui abbiamo poi lavorato con Gard Hollinger (il co-fondatore). Dopodiché si è trattato di costruirla, facendo realizzare le parti giuste, e vederla prendere forma».
A quanto pare Gard era preoccupato della tua celebrità, che poteva andare a detrimento dell’idea di costruire una moto tanto elitaria.
«E’ vero, e ci ho riflettuto, ma credo che gli appassionati di moto sappiano che sono uno di loro da tutta una vita, non un semplice appassionato del weekend. A parte i soldi che ci ho investito, ho dedicato a questo progetto molto del mio tempo e delle mie energie. Volevo contribuire alla costruzione di una moto che sarà unica, ed attirerà abbastanza interesse da alimentarne le vendite e permetterci di proseguire nell’impresa».
Quali sono le tue preferite, fra le moto che hai posseduto e guidato?
«Sono ancora innamorato della mia Norton Commando del 1973. Adoro guidarla, e ci vado ancora in giro a Los Angeles. Amo anche la Norton 750 che ho comprato mentre lavoravo sul set di Matrix, in Australia. E ci metto anche la BMW 750 e la Moto Guzzi T3».
«Nel corso degli anni ho preso l’abitudine di acquistare moto usate dovunque lavorassi. A Chicago ho avuto una Kawasaki KZ900 (la nostra Z900, Ndr) e a Portland una Suzuki GS1100R. Una volta ho comprato una Moto Guzzi T3 del 1978, e a Pittsburgh ho preso una AMF Harley-Davidson Shovelhead. Quando sono stato in Australia per Matrix ho preso una Norton 750; per il secondo episodio della saga ho comprato una Sportster. E poi la BMW 750, e una Suzuki GSX-R 750 del 1988».
Hai anche fatto una bruttissima caduta sulla tua Norton Commando, vero?
«Si, quella volta mi sono fatto male. Mi sono rotto la milza. Per il resto quasi solo scivolate, anche se mi sono rotto un braccio, diversi denti e lasciato per terra un bel po’ di pelle. Ma nel corso degli anni ho provato a rallentare e a diventare un po’ più prudente. Una volta, ogni volta che mi arrabbiavo o ero turbato per qualcosa, prendevo la moto e mi mettevo ad andare più forte che potevo, ma non è esattamente la scelta giusta da fare. Ho smesso di farlo…»
La tua carriera si sta tornando a risollevare, a quanto pare?
«Molti dicono che sto tornando, ma a me non sembra un ritorno. Ho lavorato su molti progetti diversi negli ultimi anni, sono stato piuttosto impegnato» sorride Reeves. «Il fatto è che non presto molta attenzione a cosa mi succede intorno. Ogni volta che lavoro a qualcosa sono piuttosto concentrato».
John Wick ha attratto molta attenzione. Cosa ti piace di quel film, e del tuo personaggio in cerca di vendetta?
«Mi ha impressionato l’ira da Vecchio Testamento che alberga nel protagonista. Wick vive secondo principi incrollabili, e viene posseduto da una vera furia quando il suo mondo viene sconvolto proprio quando era riuscito a trovare pace dopo la morte della moglie. E’ un uomo la cui missione è difendere il proprio senso dell’onore con una determinazione illimitata, perché sta ancora soffrendo per la terribile perdita che ha subito. E’ un duro, la cui pace mentale viene turbata nel momento più sbagliato possibile».

.............................................................CONTINUA...............................................................................

by moto.it

MONKEY...

non il modello Honda...


Bruno Bergamelli #33


1992






by Bimota Experience Facebook page

giovedì 15 ottobre 2015

casco "Bimota Classic Parts"





L’intento del Bimota Classic Parts non è solo quello di realizzare un casco come oggetto, ma quello di ripercorrere il prestigio che promana dal proprio marchio; a tale fine è stato prescelto Sakartdesign come partner sia per l’indiscutibile valore creativo che per il lodevole taglio collaborativo.
Il progetto ha preso vita da un concept riccamente elaborato dal dott. Paolo Girotti
– proprietario del BCP – e sapientemente sviluppato dai designer di Sakartdesign. Tutto l’iter di sviluppo è stato dominato dall’idea cardine che ogni elemento ha un profondo e decisivo significato combinato con le prestigiose vestigia storiche del brand Bimota.
Dai primi sketches al modello finale (realizzato in edizione limitata e numerata) traspare che si tratta di una vera e propria opera d’arte che potrà essere indossata ed esposta con orgoglio da ogni appassionato e collezionista.
A impreziosire il tutto, infine, è lo stesso stile della marca
SHOEI, selezionata per conseguire i migliori risultati con questo prodotto esclusivo.

Durante il Misano Classic Weekend (9-10-11 ottobre), presso lo stand Bimota Classic Parts, verranno raccolte le prenotazioni e fornite maggiori delucidazioni su prodotto e progetto.

Info:
057821986
info@bimotaclassicparts.com

 
 
by bimotaclassicparts.com

Martini Racing...

on sell in UK


lunedì 12 ottobre 2015

under rain...


L'ultima gra del trofeo Old Open Cup svoltosi questo fine settimana a Misano in concomitanza con la manifestazione Misano Classic Weekend.
Come potete vedere è stato un finesettimana di gare decisamente... umido, ma questo non ha scoraggiato i piloti, vero Ale?
 
 

















by facebook

CRACK...

it isn't good vibrations...



venerdì 9 ottobre 2015

Reminder...

for Misano Classic Weekend



Ritorna anche quest'anno la celebrazione della moto d'epoca al Misano World Circuit. Dopo il grande successo della passata edizione, che ha visto il passaggio in pista di oltre 600 piloti e una grande edizione della gara Endurance, il Misano Classic Weekend riparte il 9 - 10 e 11 ottobre.
Un intero week-end dedicato alle classiche, sia in pista che nel paddock, dove a dominare sarà il fascino delle vecchie "lady" a due ruote.
Ricco il programma della tre giorni, prove libere il venerdì e poi gare il sabato e la domenica.
Dalle 17,40 circa del sabatao sera al via gli equipaggi della gara endurance che terranno tutti con il fiato sospeso per le 4 ore di gara.
Il salone sulla Pit lane quest'anno ospiterà la grande mostra EMILIA ROMAGNA TERRA DI PILOTI, una celebrazione dei piloti nati e cresciuti in regione.
Piloti e moto del passato, del presente e del futuro.
Sabato 10 ottobre il talk show con giornalisti e campioni sarà un momento speciale da non perdere! Condurrà la chiacchierata l'irriverente voce e penna giornalistica di Marco Masetti.
Come ogni anno in paddock ci saranno espositori, collezionisti, restauratori, motoclub e tante tante moto.

SPECIALE 2015! Il Vesparaduno nel Paddock 3. Presto sul sito tutte le informazioni.
TASSE ISCRIZIONE (IVA inclusa)

  • Gruppo 4, Guzzi, Gentleman, Italian Cup : € 150,00 (€ 85,00 ridotta)

  • Gruppo 5, Superbike, Old Open Cup : € 200,00 (€ 100,00 ridotta)
  • Gruppo 3 : € 80,00
  • Prove libere (venerdì 8 ottobre) : € 45,00 (a turno)
    * La tariffa ridotta si applica sulla seconda gara, meno costosa, cui il pilota si iscriverà e ai vincitori della tappa precedente di Campionato (Franciacorta)MODALITA' DI PAGAMENTO : Bonifico bancario intestato a Santa Monica SpA

    BANCA POPOLARE EMILIA ROMAGNA AG.RICCIONE
    IBAN IT 34 O 05387 24100 000001687357
    BIC BPMOIT22 XXX

    Causale: COGNOME PILOTA + MISANO CLASSIC 2015
    Inviare copia pagamento a 0541 1792282 oppure via email a ufficiosportivo@misanocircuit.com

    IL REGOLAMENTO :
    scarica il regolamento Le specifiche delle classi sono da pag. 34 a pag. 37
    LE SCHEDE D'ISCRIZIONE:
    scarica il modulo di iscrizione per Endurance
    scarica il modulo di iscrizione per Misano Classic (italiano)

  • COSTO BOX : € 200,00 + IVA

  • INFORMAZIONI GARA : ufficiosportivo@misanocircuit.com
  • INFORMAZIONI TECNICHE MOTO : epocasport@federmoto.it

  • INFORMAZIONI EVENTO : b.calderoni@misanocircuit.com tel 339 8633387






  • presso lo stand di Bimota Classic Parts queste le opportunità:
     
    Nella giornata di sabato è prevista la presenza, presso i nostri stand, dei piloti Gianluca Galasso e Virginio Ferrari. Probabilmente domenica sarà presente anche Pierluigi Marconi.
    Inoltre, presso i nostri stand ci sarà in esposizione continua un modello Tesi proveniente dall'atelier Bimota.
     
     

    Visita Azienda Bimota
    La visita presso l'azienda Bimota è prevista alle ore 15,00 di venerdì 9 ottobre 2015. Inoltre, sarà offerto
     
    INFO VISITA AZIENDA BIMOTA:
    La visita in azienda è a numero chiuso ed è necessario effettuare la prenotazione (indicare nome, cognome e telefono) mediante:
    mail a info@bimotaclassicparts.com
    telefono: 057821986
    La visita è programmata nel pomeriggio di venerdì 9 ottobre (nei prossimi giorni, verrà comunicato a tutti i partecipanti l'orario). Ogni partecipante potrà raggiungere l'azienda con il proprio mezzo.

    INFO EVENTO:
    Come indicato sarà possibile lasciare la propria bimota in esposizione presso il nostro stand. Eventualmente, sarà possibile trovare una soluzione di parcheggio per le "altre motorizzazioni" sulla base dello spazio a disposizione.
    Durante il weekend sarà attiva l'infoline 3343686888 per qualsiasi informazione e/o chiarimento.

     Il prezzo del biglietto per l'accesso al Misano Classic Weed è:
    venerdì 8 euro
    sabato 10 euro
    domenica 14 euro
    è previsto un abbonamento per due giorni: 20 euro

    Per maggiori informazioni:
    info@bimotaclassicparts.com
    057821986
    a tutti i partecipanti un buffet di benvenuto...